Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza utente. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo.

 NewsLetter 

Blog collettivo fondato e coordinato da Nando Cianci - Anno V

LA FRATELLANZA DI CRISTO

Mario Setta«Cristo non è venuto a redimerci da una colpa mai esistita, il cosiddetto "peccato originale", ma per elevare la natura umana al suo più alto grado».

                                  di MARIO SETTA

Forse nessun filosofo è stato cristiano come Nietzsche. Talmente cristiano da presentarsi come “anticristo”, cercando in tutti i modi di purificarne la persona e il messaggio.
Critica Renan che definisce Cristo "genio", "eroe", mentre lui afferma: «parlando con il rigore del fisiologo qui tutt'al più sarebbe appropriata un'altra parola, la parola: 'idiota’... un habitus fisiologico alla sua logica estrema, come odio istintivo contro qualsiasi realtà...in un mondo ormai solo interiore, un vero mondo, un mondo eterno...". Nietzsche non scrive per scherzo o per piacere, ma per obbligo interiore. Tutte le sue opere sono frutto di profonda riflessione, che lo condurrà alla totale pazzia.
La riflessione su Cristo e sul cristianesimo è, soprattutto, motivo di vincolo familiare, essendo figlio di padre pastore protestante e madre figlia di pastore. Cristo viene considerato come "simbolista tipico": il concetto di Dio, il figlio di Dio come seconda persona della Trinità. Tutti simboli.
«Il regno di Dio non è qualcosa che uno si aspetti...è l’esperienza di un'anima; esiste in tutti e in nessun luogo. Questo "lieto nunzio" morì come visse, come aveva insegnato, non per "redimere gli uomini" ma per dimostrare come s' ha da vivere. È la pratica del vivere che egli lasciò all'umanità».
NIETZSCHEHa ragione Karl Jaspers nell'affermare: «Secondo Nietzsche il Cristianesimo è stata una delle peggiori calamità toccate all'Europa. La colpa non è di Gesù che Nietzsche considera come l'unico cristiano vero. Egli è stato l'interprete non di una dottrina, ma di una condotta di vita».
In Cristo e nella sua vita, prevale la sopportazione, la pace interiore. Tra pessimismo e spirito di vendetta, Cristo sceglie il silenzio, l'ottimismo, come unica medicina per vivere e vivere bene.
L'accettazione delle sofferenze, la morte in croce, la rassegnazione ad ogni ingiustizia fanno di Cristo il protagonista dell'ottimismo esistenziale. Accettare la vita significa accettare con gioia ogni istante. Senza lamentarsi. Senza fuggire. La vita di Cristo sulla croce è la vita di ogni uomo: accettare la morte senza ribellarsi, aspettare la morte come una grazia, consapevoli che la morte è la nostra compagna eterna. 
Emmanuele Diet, nel suo libro Nietzsche parla di Gesù, che diventa "santo anarchico". Anarchico perché per Cristo non esistono leggi inventate dagli uomini, ma esigenze e necessità interiori.
La ricerca dell'essenza della persona-Cristo va liberata dalle testimonianze degli apostoli e degli evangelisti. In particolare Paolo stravolge la figura e il messaggio di Cristo puntando sulla formazione della chiesa e sull'affermazione del potere. Nietzsche lega Cristo a Budda, cristianesimo e buddismo come modi di vita in cui l'interiorità si traduce in amore e non-violenza.
La fede proposta e imposta dal cristianesimo è, invece, una violenza, fondata sulla falsità. Cristo non è venuto a redimerci da una colpa mai esistita, il cosiddetto "peccato originale", ma per elevare la natura umana al suo più alto grado. Il concetto di "super-uomo" per Nietzsche presuppone l'affermazione della "morte di Dio", ma non è un concetto applicabile a Cristo, che subisce le conseguenze negative della fede cristiana.
Papa Francesco ha scritto l'enciclica Fratelli tutti, ma non può dichiararsi "fratello di Cristo", perché ne è umanamente lontanissimo. Come lui tutti i preti e cristiani, che hanno tradito e continuano a tradire l'esperienza di vita di Gesù.
Cristo è diventato strumento di potere per tutti coloro che se ne sono appropriati. Innanzitutto la Chiesa che lo ha usato da secoli e millenni, costruendovi un apparato politico-economico dalle dimensioni mondiali.

 

La foto di Nietzsche è di pubblico dominio (https://www.flickr.com/photos/royaloperahouse/17048487967)

Per inserire un commento devi effettuare il l'accesso. Clicca sulla voce di menu LOGIN per inserire le tue credenziali oppure per Registrati al sito e creare un account.

© A PASSO D'UOMO - All Rights Reserved.